Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Utilizziamo cookie tecnici per rendere possibile il funzionamento di alcune caratteristiche del sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Risposte Utili

Dettagli

Quanto si paga come contributo annuo per l’attività di radioamatore?

Per ciascuna stazione di radioamatore, indipendentemente dal numero degli apparati, compreso l’anno a partire dal quale l’autorizzazione generale decorre, si deve effettuare un versamento di:
Euro 5,00 per l'autorizzazione classe A ( unificata ).
I versamenti dovranno essere effettuati entro il 31 gennaio di ogni anno.

Mi sono dimenticato di pagare il contributo annuo entro il 31 Gennaio, cosa posso fare?

Chi paga in ritardo dovrà effettuare, entro il 30 Giugno, un versamento maggiorato dello 0,5 % della somma dovuta, per ogni mese o frazione di ritardo.

In quali casi è previsto l’esonero della prova di esame per il conseguimento della patente di radioamatore ?

Sono esonerati da tutte le prove gli aspiranti che siano in possesso di uno dei seguenti titoli:
a) certificato di radiotelegrafista per navi di classe prima, seconda e speciale, rilasciato dal Ministero;
b) diploma di radiotelegrafista di bordo, rilasciato da un istituto professionale di Stato.
c) certificato generale di operatore GMDSS, rilasciato dal Ministero;
d) laurea in ingegneria nella classe dell’ingegneria dell’informazione o equipollente;
e) diploma di tecnico in elettronica o equipollente conseguito presso un istituto statale o riconosciuto dallo Stato.

E’ possibile sostenere gli esami per la patente di operatore di stazione di radioamatore presso l'Ispettorato di una regione dove non risiedo?

E' possibile sostenere gli esami nella regione in cui l’interessato è domiciliato per motivi di studio o di lavoro, anche se diversa da quella di residenza; occorre presentare domanda di ammissione all'Ispettorato Territoriale competente per territorio presso il quale si intende sostenere l'esame, allegando l’attestato del datore di lavoro o della scuola presso cui frequenta.

Ho superato gli esami ed ho ricevuto la patente, cosa devo fare per poter iniziare l'attività di Radioamatore ?

Occorre fare richiesta di nominativo e di norma solo successivamente all'ottenimento dello stesso la richiesta di AUTORIZZAZIONE GENERALE e pagare il contributo annuale di 5 Euro. Dal momento che si e' in possesso di questi documenti si potrà iniziare l'attività radioamatoriale.

La mia patente di radioamatore classe B è stata unificata a quella di classe A. Cosa devo fare? posso operare sulle frequenze prima previste solo per la patente di classe A?

Il Decreto 21 Luglio 2005 ha unificato le due patenti nell’unica patente di classe A e pertanto si può operare anche sulle frequenze e con le potenze previste per tale classe . Il nominativo resta lo stesso, fatta salva la possibilità di richiedere alla competente Direzione del Ministero il cambio di nominativo presentando domanda in bollo. Anche il contributo annuo è stato unificato a 5 Euro per tutti.

Debbo recarmi all'estero e avendo una vecchia Licenza vorrei sapere se è possibile avere un attestato, plurilingue, che attesti il possesso dell'autorizzazione ottenuta in Italia.

E' possibile inoltrare richiesta all'Ispettorato per il rilascio di un'attestato di conseguimento dell'autorizzazione generale per l'impianto e l'esercizio di una stazione di radioamatore con potenza massima di 500 Watt, recante le scritte in Italiano, Inglese e Francese e la dizione ARMONIZED AMATEUR EXAMINATION CERTIFICATES HAREC-LEVEL A CEPT TR61-02. Il modello di attestato è conforme a quello riportato nel D.L. 259/03 Allegato 26, sub allegato B art. 1, c.5 .

   
   
   

Cerca nel sito  



Ricerca avanzata
   

A.R.I. BO Social  

A.R.I. BO (Gruppo)

A.R.I. BO (Pagina)

IY4FGM (Pagina)

A.R.I. BO

   

Eventi  

Novembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   

Soci Online  

   
© A.R.I. Bologna "G. Sinigaglia" Licenza Creative Commons